Desidera

DesideraSimona Di Maio, Sebastiano Coticelli

Una storia semplice. Un uomo che desidera (de-sidera: mancanza e moto verso le stelle). Un uomo di nome Rivière che desidera qualcosa che non è più. Rivière ha il vizio di credere nell’impossibile e sfidare le leggi della scienza per recuperare il tempo perduto. Ritornare a quel punto del destino dove la sua vita si è separata dalla donna che amava. Desidera si ispira ai racconti di volo di Antoine de Saint Exupéry e ci parla di un ex aviatore, Rivière, che seguendo i principi della teoria della relatività, cerca di tornare indietro nel tempo per ritrovare la sua donna perduta. Il luogo è quello della memoria, il suo racconto non procede per linee ma per frammenti, rimandi, dissolvenze e immagini. I corpi degli attori sono materia viva del suo ricordo, ripercorrono la sua vita e le sue scelte, muovendosi tra le cose dimenticate, tra gli incartamenti di motori, il letto bianco e la radio mentre suona un valzer sommesso e, tra le ceneri del tempo, un aeroplanino di carta vola.