SE NON SPORCA IL MIO PAVIMENTO un melò

SE NON SPORCA IL MIO PAVIMENTO un melòdrammaturgia Giuliano Scarpinato, Gioia Salvatori

Presentato al Romaeuropa Festival 2017, Se non sporca il mio pavimento è un originale melò di provincia, un noir a base di menzogne, pericolose fughe dalla realtà e passioni incontentabili, ispirato a un episodio di cronaca: il delitto Rosboch. «Una vicenda – spiega Giuliano Scarpinato - che mi ha impressionato, oltre che per l’intreccio, per la forza archetipica dei suoi personaggi. Mi sembrò subito che in quella provincia piemontese fatta di supermarket, tubi catodici e fughe nei social, si fosse incarnato bizzarramente, attraverso Gloria Rosboch e il suo giovane seduttore Gabriele Defilippi, il mito di Eco e Narciso». Scarpinato indaga la contemporaneità mediante la rappresentazione dolorosa e struggente di un insieme di individui: Gioia, l’insegnante, Alessio, lo studente diciassettenne con 12 profili su Facebook, e Cosimo, il parrucchiere cinquantenne. Tutti sono impegnati nell’ostinata ricerca di un’improbabile felicità e dell’utopistico riconoscimento di sé.