Il colore venuto dallo spazio

Il colore venuto dallo spaziodi Howard Phillips Lovecraft

Dopo lo shock legato alla morta tragica del piccolo Klaus, Nahum, Theresa e Lavinia Gardner si trasferiscono nella grande casa paterna in mezzo al bosco. Una sera, durante una tempesta, un fulmine colpisce il pozzo davanti alla casa. Da quel momento, strani avvenimenti iniziano a sconvolgere la famiglia Gardner: l’aria, la natura e anche le persone vengono trasformate da un orrore misterioso, un delirio senza volto né nome che parte dal pozzo e dilaga tutt’intorno. Quello che colpisce la famiglia Gardner è “un messaggero spaventoso degli informi regni dell’infinito, al di là della natura che conosciamo”.
A partire dalla celebre novella di Lovecraft del 1927, Fabrizio Sinisi riscrive per il teatro uno dei più famosi classici del genere horror, una tragedia metafisica e nera, che si interroga sugli abissi della psicosi umana e sull’enigmaticità inesplorabile dello spazio e della natura. L'allestimento diretto da Gabriele Russo con il suo linguaggio teatrale originalissimo e la complicità della sessione notturna -- è in scena il venerdì e il sabato a mezzanotte precisa -- ci trascinerà in una vera e propria dimensione parallela.

 

Durata 70 minuti