Fog

Fogdi Francesco Ferrara regia Salvatore Cutrì

È venerdì mattina. Tania e Karla si incontrano nei bagni di una scuola. Decidono di vedersi quel pomeriggio stesso al centro commerciale. Qui incontrano Paco, poco più grande di loro. È a casa sua che continuerà la serata. Non si conoscono bene, all'inizio sono un po' imbarazzati ma tutto sommato si divertono. A metà serata decidono di avviare una diretta streaming, è una cosa che fanno spesso, non c'è nulla di strano. Per loro non è strano neanche baciarsi o spogliarsi davanti a una videocamera, tutto è un gioco. Ma cosa accade quando il gioco smette di essere tale? Fog, finalista al Premio Scenario 2019, rielaborando liberamente un fatto di cronaca, racconta di un abuso trasmesso in diretta streaming e di una violenza che non viene riconosciuta come tale, né da chi la compie né da chi la subisce e neanche da chi la filma.

Durata 70 minuti